LA BATTAGLIA AL RAZZISMO DI CARLO ANCELOTTI

Continua senza soste la “battaglia di civiltà” e la lotta al razzismo di Carlo Ancelotti. Una contesa che Football Leader sostiene e promuove a 360°. FL è sempre al fianco di chi intende cancellare ogni discriminazione nel calcio come nella vita.  “Non se ne puo’ piu’ – ha riferito – anche a Bologna un giocatore di vent’anni l’altro giorno e’ stato insultato, non ha senso. Il calcio italiano non e’ cambiato, gli ignoranti e maleducati continuano ad andare negli stadi e per loro serve un corso di educazione, senso civico e rispetto”. Il tecnico del Napoli ha scelto la cattedra dell’universita’ Vanvitelli di Napoli per ricordare che la battaglia contro il razzismo nel calcio italiano non riguarda solo il Napoli e Koulibaly, ma tutto il movimento, come dimostrato anche dai cori razzisti contro lo juventino Kean in Bologna-Juventus di Coppa Italia. Il tecnico azzurro tiene una lezione sulla gestione del gruppo nel calcio contemporaneo ma, rispondendo a una delle domande dal pubblico universitario, torna sulla battaglia contro il razzismo, replicando anche alle critiche che gli sono state mosse da diverse parti, tra cui il capo della polizia Franco Gabrielli: “Ho sentito dire – afferma – ‘Ancelotti non puo’ decidere di sospendere una partita’, ma forse quando parlo non mi faccio capire. Non ho mai chiesto di sospendere le partite, so bene che se 60.000 persone devono uscire dallo stadio ci sono problemi. Ma in caso di cori razzisti le partite si devono interrompere, si aspetta qualche minuto e poi si riprende. Del resto le gare si interrompono anche per la pioggia, nel 2000 aspettammo due ore prima di tornare in campo per il maltempo”. Il tecnico apprezza l’intenzione espressa dal presidente della Federcalcio Gravina di “semplificare la norma – dice – ma ricordiamoci anche che la norma c’e’ ed e’ gia’ applicabile quando c’e’ un insulto territoriale o razziale e a Milano non e’ stata applicata. Io ho avuto la fortuna di lavorare all’estero per nove anni e queste cose sono state debellate. E’ una cosa che l’Italia non puo’, ma deve fare e non e’ tanto complicata”.

 

 

(da cronachedellacampania.it)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *